Vino Tokaji 2017 Late Harvest - Pajzos 50cl

14,90 €
Tasse incluse

La storica e leggendaria regione vinicola ungherese di Tokaj si trova vicino alla frontiera con l’Ucraina e la Slovacchia, ai piedi dei Carpazi.

1 Articolo
Per quantità diverse da quelle disponibili si prega di conttatarci al seguente indirizzo [email protected]

Quantità
Ultimi articoli in magazzino

  Politiche per la sicurezza

Paga in modo sicuro con carte di Credito e debito tramite Nexi XPay.

  Politiche per le spedizioni

Consegna entro 48 ore. Gli ordini effettuai entro le 15 verrano spediti entro le 17 stesso giorno.

  Politiche per i resi merce

Possibilità di reso dell’ordine entro 14 giorni dalla data di consegna

La storica e leggendaria regione vinicola ungherese di Tokaj si trova vicino alla frontiera con l’Ucraina e la Slovacchia, ai piedi dei Carpazi. L’originalità dei vitigni autoctoni, la complessità del suolo e l’eccezionalità del clima concorrono a creare l’eccellenza dei vini di questa zona. Da 6.000 ettari di vigneti si ricavano solo vini bianchi, secchi o dolci, il 6% circa della produzione nazionale. Il nome Tokaj indica un paese, una regione (chiamata anche Tokaj-Hegyalja) e i vini qui prodotti. Tokaji (con la lettera “i” finale) è invece un aggettivo (Tokaji significa, in ungherese, “di Tokaj”). Il terreno, vero patchwork geologico, è composto da rocce eruttive e sedimentarie. A nord i vigneti sono protetti dalle montagne, mentre da sud soffiano i venti caldi provenienti dalla pianura ungherese. La forte escursione termica tra notte e giorno contribuisce ad ottenere vini con grande equilibrio tra ricchezza e freschezza. La confluenza dei due fiumi Bodrog e Tisza tempera gli eccessi di caldo del clima estivo e favorisce a fine stagione lo sviluppo della Botrytis Cinerea, la muffa nobile grazie alla quale si producono vini dolci di eccezionale qualità. Allo stesso tempo, le correnti di aria calda favoriscono l’evoluzione naturale in pianta di acini appassiti. La selezione di questi acini, nelle migliori annate completamente colpiti da muffa nobile, porta alla produzione dei ricercati vini dolci “Aszù”. Gli acini vengono colti manualmente a più riprese, con vari passaggi in vigna senza distaccare i grappoli dalle viti. Gli acini sono posti in un contenitore aperto in legno chiamato “puttony”, che funge da unità di misura e il cui contenuto corrisponde a 20 kg. di uva per 100 litri di vino secco. Un Tokaji Aszù viene definito e classificato in base al numero di puttonyos aggiunti: 5 puttonyos corrispondono a 100 kg di acini appassiti o botritizzati aggiunti a 100 litri di vino. A parte la dolcezza, si tratta di vini con acidità elevatissime, che permettono spesso conservazioni in cantina ed evoluzioni per oltre cento anni. Château Pajzos è uno dei produttori storici più reputati. Venne classificato “Premier Cru” nel 1772, anno della più antica classificazione mondiale dei vigneti. Possiede una tra le cantine più straordinarie della regione, dichiarata insieme ad altre patrimonio dell’Unesco, formata da una galleria sotterranea che si sviluppa per parecchi chilometri. E’ situata in prossimità del castello reale del Principe Rakoczi a Sàrospatak, principe di Transilvania che presentò i vini di Tokaj al Re di Francia Luigi XIV, il quale secondo la leggenda pronunciò la famosa frase “il Re dei Vini, il Vino dei Re”.  I vini di Tokaj conobbero per secoli grande prestigio internazionale, fino alla distruzione dei vigneti europei causata dalla fillossera nel 1892. Dal 1948 al 1991 i vigneti furono sottoposti al controllo di un’unica compagnia statale. Solo a partire dal 1991, con le privatizzazioni, si è assistito a una rinascita di questa zona storica. In quello stesso anno la  proprietà di Pajzos venne acquistata dal francese Jean-Luis Laborde, divenuto poi proprietario del famoso Château Clinet a Pomerol.

VB05018-17
1 Articolo

Scheda tecnica

Anno
2017
Gradazione
11.5%
Formato
cl 50
Nazionalità
Ungheria

16 altri prodotti della stessa categoria:

vino-bianco
Vino Etna Bianco DOC 75cl Buonora Tascante Tasca 2019
Storicamente un vitigno utilizzato per la sua acidità e la sua produttività, il Carricante è probabilmente oggi una delle varietà più interessanti e dalle diverse sfaccettature ancora da scoprire. Mineralità, note sulfuree, sentori di idrocarburi, anche in annate giovani. È espressione della verticalità dei vini del Vulcano. Un vino che riflette la natura del territorio da cui proviene, l’Etna.
17,90 € Prezzo
vino-bianco
Vinsanto del Chianti Classico DOC Tenute Antinori 37,5cl 2015
La produzione di Vinsanto in Toscana, e nel Chianti Classico, risale almeno ai tempi medievali. Secondo i dettami della tradizione e di un severo disciplinare viene prodotto il Vinsanto Tenute Marchese Antinori, con selezionate uve Trebbiano e Malvasia che vengono appassite in modo naturale, metodo che richiede tempo e pazienza, e che danno vita ad un vino intenso e piacevolissimo per la sua ricchezza di aromi e la sua morbidezza al palato.
29,90 € Prezzo
vino-bianco
Malvasia Terre di Chieti IGT Labelle Lunaria - Orsogna 75cl 2020
Per questo vino breve macerazione a freddo e successiva pressatura soffice. Il mosto fermenta in recipienti di acciaio inox a temperatura di 12-14°C per circa 30 giorni con i propri lieviti indigeni. La chiarifica avviene mediante decantazione. L’affinamento avviene in vasche di acciaio per circa 4 mesi, a seguire in bottiglia.
12,50 € Prezzo
vino-bianco
Vino Sauvignon Blanc Selekcija 75cl Slovenia Marjan Simcic 2014
Il colore giallo oro intenso invita a scoprire i suoi aromi ricchi ed il suo corpo ben sviluppato; la lunga permanenza in barrique di rovere gli permette di esprimere aromi complessi che vanno dalla salvia alla paprica, dai fiori selvatici al tabacco e fino al cuoio; una lunga e complessa persistenza accompagna il finale di questo vino
19,90 € Prezzo